Sfogliando “Io Donna” di questa settimana resto incantata da questa pubblicità:

Brunello Cucinelli – Collezione Autunno-Inverno 2011-2012

 Il perché è facile da capire 🙂

La foto web è piccolina, ma l’impatto nel settimanale è fantastico. Sono due intere pagine: nella prima pagina trionfa il teatro greco di Taormina e sullo sfondo la costa  ionica con il suo mare azzurrissimo. Nella seconda pagina in primo piano si notano sei sorridenti ed eleganti indossatori, bellissimi nella loro multietnicità, in pose naturali e non ammiccanti, proprio come potrebbe essere un bel gruppo di amici che si incontra in uno dei luoghi più belli del mondo. I loro visi sono illuminati dal sole e sono attenti a non nascondere nulla del panorama che si staglia dietro le loro spalle: l’Etna maestoso, innevato, quieto. In basso e in caratteri piccoli il logo e la firma del brand.

La filosofia dell’azienda tutta made in Italy è anche questa; niente sfondi artificiali, ma scelta dei posti più spettacolari del pianeta e in particolare della nostra Italia per pubblicizzare i finissimi e preziosissimi capi in cachemire .

Pochi anni fa Brunello  Cucinelli  è stato premiato come migliore imprenditore e la motivazione è davvero importante: “per la continua ricerca del benessere psicofisico e della qualità della vita negli ambienti di lavoro e per l’importante azione svolta per il recupero e il restauro di costruzioni storiche e la continua attenzione in favore dell’educazione e della cultura”. I suoi oltre 500 dipendenti  pensanti, come li chiama Cucinelli, lavorano in un grande castello settecentesco di un  borgo medievale a Solomeo (PG) perché: “ E’ meglio  lavorare sotto volte affrescate o con finestre di fronte alle colline umbre che in un capannone con infissi di alluminio e vista sul cemento armato”.

Azienda Cucinelli – Solomeo (PG)

Pare che i dipendenti abbiano uno stipendio superiore alla media  e Il 20% del fatturato dell’azienda serve a restaurare ed allargare il Borgo e ora il brand , dopo aver costruito un teatro, restaurerà l’arco etrusco di Perugia. La  biografia di Cucinelli e la storia dell’azienda che leggi sul suo e su altri blog  sa di favola: perfetta, senza una pecca che quasi quasi non ci credi. Che dire?  Questo re del cachemire mi piace, così come mi piacciono i suoi capi eleganti, raffinati, preziosi  e sobri (ma troppo costosi, ahimè).

E naturalmente mi piacciono le sue pubblicità. (Scelte non a caso 😉  )

 Collezione Cucinelli Primavera-Estate 2011  (Agrigento – Valle dei templi)

“Ho fiducia nel futuro e non mi faccio turbare dalla cronaca violenta della quotidianità.  Credo nei giovani. So che vogliono un mondo diverso”.

Brunello Cucinelli – Arco Etrusco – Perugia

Queste sue  parole possono essere di speranza e di augurio per  i giovani e per tutti noi che riprendiamo il lavoro dopo la dolce estate.

“Il bello ci salverà” (E non solo…). 

Buon rientro a casa e al lavoro a voi tutti. Ed anche a me 🙂

Annunci